Olivark
By
3 years ago

L’olivicoltura nel mondo

E’ Nella fascia che va dal 30° al 45° parallelo nord che si concentra la quasi totalità della produzione mondiale di olio da olive e l’olivicoltura originaria è radicata nella storia nel bacino del Mediterraneo.

Altri paesi ubicati nelle fasce climatiche sopra indicate, nell’altro emisfero, stanno investendo notevoli risorse nel settore. Tra cosiddetti paesi emergenti, l’Australia, l’Argentina, la Cina, il Cile e il Sud Africa sono aree di sviluppo recente le cui produzioni si stanno proponendo al mercato olivicolo mondiale.

La produzione mondiale di olio d’oliva nella campagna olivicola 2011/2012 è stata a circa 3.408.500 tonnellate.

Le Stime del COl (Consiglio Oleicolo Internazionale) per la campagna 2012/2013 sono in calo per un valore presumibile di circa 2.718.000 tonnellate di olio da olive. Nonostante questo evidente calo produttivo, il mercato è in crescita, con un incremento di olio nell’ultimo quinquennio di 160.000 tonnellate.

La produzione in costante aumento, ad eccezione di possibili cali dovuti a condizioni climatiche avverse come sta avvenendo frequentemente, è dovuta principalmente alle nuove tecnologie di raccolta meccanizzata con impianti intensivi realizzati soprattutto in Spagna e caratterizzati oltre che da un’elevata produzione per unità di superficie, anche per un’entrata in produzione precoce.

grafico 1

Dal grafico si nota che la produzione dell’olio d’oliva, nel periodo in esame, è stata oscillante, sia a livello mondiale che europeo con un significativo calo nella produzione nelle campagne olivicole fino al 2007. Dall’annata 2009 la tendenza è in continua crescita, anche se la previsione per la campagna 2012/2013, è in riduzione per il forte calo della produzione Spagnola che, nell’anno in questione, si dovrebbe attestare attorno alle 604 mila tonnellate. 

Anche le superfici impiantate a oliveto sono state in costante aumento principalmente in Spagna, Tunisia, Marocco con impianti realizzati con i criteri dell’olivicoltura super intensiva.

La superficie mondiale a coltura olivicola documentata, nella campagna 2010/2011, è stata di quasi 11 milioni di ettari, di cui solo il 22% è irrigata; quasi il 52% della superfice mondiale è localizzata in Europa, il resto è concentrato in Africa mediterranea (quasi il 29%), in Medio Oriente (17,2%), nel Sud America (1,6%) e in Australia (0,6%).

grafico 2

grafico 1b

Registrati per leggere tutto