QUINTO ENNIO (239 – 169 a.C.)

 

L’uomo che amorevolmente indica la strada giusta a chi si sta sviando, è come se accendesse con la propria lampada una nuova lampada e, così facendo, illuminando chi ne ha bisogno, dà ancora più luce a se stesso.

(Ennio, Frammenti delle Tragedie, 412-14, in “Remains of Old Latin” London, 1988, p.373)

 

TITO LUCREZIO CARO (ca. 98 – 54 a.C.)

 

DE RERUM NATURA

                                         La stessa natura, la terra per prima

                                         esempio alla semina offerse e all’innesto:

                                         le bacche e le ghiande cadendo a suo tempo

                                         porgevano ai piedi degli alberi sciami

                                         di nuovi rampolli; e agli uomini piacque

                                         allora inserire quei germi nei rami

                                         e in fosse piantare nel suolo i nuovi virguiti.

                                         E quindi nel dolce piccolo campo tentavano

                                         varie colture e vedevan la terra,

                                         trattata con cura, rendere buoni,

                                         maturi quei frutti un tempo selvatici.

                                         E costrinsero i boschi sempre più a ritirarsi

                                         verso l’alto dei monti e a far posto

                                         alle semine e ai cóiti nei luoghi più bassi:

                                         per avere e guardare nei campi e nei colli

                                         prati, ruscelli, laghi, messi, vigne ridenti;

                                         e i cerulei ulivi giunsero ai poggi

                                         spiccando diffusi per campi e per valli:

                                         al modo che adesso tu vedi spiccare

                                         di varia lietezza le belle campagne

                                         che gli uomini adornano e cingono intorno

                                         di piante fruttifere e amene.

                                         (Lucrezio, Della Natura, Milano, 1990, V vv. 1361-1378, pp. 364-366)

 

CATULLO (84 ca. – 54 ca. a.C.)

 

34                                     O grande di Latona

                                          figlia (Artemide) e del Dio supremo

                                          accanto a un ulivo in Delo

                                          tua madre ti partoriva.

                                          (Catullo, Le Poesie, Tonino, 1980, XXXIV vv. 5-8, p. 76)

 

6                                        Flavio, tu non passi le notti da solo!

                                          Lo rivelano la tua alcova, fra­grante di fiori e di profumi d’ulivo di Siria,

                                          il guanciale per ogni dove stazzonato, lo  scricchiolio e l’ondeggiamento del letto                                              

                                          sgangherato.

                                          (Catullo, Carmina, VI vv. 6-11)

 

PUBLIO VIRGILIO MARONE (70 – 19 a.C.)

 

ENEIDE

V                                       I partecipanti alla gara di corsa avranno in dono giavellotti e scuri dai manici

                                         d’argento ma i tre primi si avranno

                                         di pallido ulivo il capo recinto…

                                         Mnesteo vincitore

                                         alla gara navale, Mnesteo incoronato d’ulivo…

                                         I ragazzi entrano…

                                         

Registrati per leggere tutto

 

OMERO (IX sec. a.C.)
 
ILIADE
II                                    Gli ameni
                                      campi cui l’onda titaresia irriga,
                                      rivo gentil che nel Penèo devolve
                                      le sue bell’acque, né però le mesce
                                      con gli argentei penèi, ma vi galleggia
                                      come liquida oliva.
     (Omero, Iliade, Milano, 1957, II vv. 1004-1009. Dal monte Titano o Titanio, in Tassaglia,
     prendeva nome il fiume Titaresio che si gettava nel flume Penèo senza mescolarvi le acque. Cfr. Lucano VI v. 376)
 
X                                   Ulisse e Diomede, odorosi
                                      di pingue oliva si sedeano a mensa
                                      pieni i nappi vuotando, ed a Minerva
                                      libando di Lièo l’aimo licore.
                                      (Ibid., X 714-717. Lièo, che scaccia gli affanni; altro nome di Bacco)
 
XIV                                Giunone al regale
                                      suo talamo s’ avvia...
                                      e chiusa la lucente soglia,
                                      con ambrosio licor tutto si terse
                                      pria l’amabile corpo, e d’oleosa
                                      essenza l’irrigò.
                                      (Ibid., XIV vv. 200-208)
 
XVII                               Qual d’ulivo gentil pianta nudrita
                                      in lieto d’acque solitario loco
                                      bella sorge e frondosa: il molle fiato
                                      l’accarezza dell’ aure, e mentre tutta
                                      del suo candido fiore si riveste,
                                      un improvviso turbine la schianta
                                      dell’ime barbe, e la distende a terra.
                                      (Ibid.. XVII vv. 6 1-67)
 
XVIII                              Poiché nel cavo
                                      rame la linfa al suo bollor pervenne,
                                      diêrsi il corpo di Patroclo a lavar:
                                      l’unser di pingue
                                      felice oliva.
                                      (Ibid., XVIII vv. 479-482)
 
XXIII                               Il Pelide pose
                                      colle bocche sul feretro inclinate
                                      due di miele e d’unguento urne ricolme...
                                      e disse:
                                       “I miei cavalli, miseri perduto
                                      hanno il lor forte condottiero e mite,
                                      che lavarne solea le belle chiome
                                      alla chiara corrente, ed irrorarle
                                      di liquid’olio rilucente”.
                                      (Ibid., XXIII vv. 226-379)
     
ODISSEA
II                                   Telemaco era disceso
                                      nella stanza segreta, ove d’Ulisse
                                      era il bronzo adunato e il rame e l’oro
                                      e molto olio odoroso e in ben costrutte
                                      anche le vesti. Numerosi dogli... ripieni
                                      di vermiglio licor, pretto, squisito,
                                      già da lunga stagion riposto in serbo
                                      per l'eroe, che pur sempre nel suo tetto
                                      riveder si sperava.
                                      (Omero, Odissea, Firenze, 1927, II vv. 400-409)
 
IV                                  Telemaco e Pisistrato
                                      discesero nel bagno, e dalle fanti
                                      lavati, e d’odoroso olio cospersi,
                                      le tuniche indossaro e su le scranne
                                      sedeansi al fianco del figliuol d’Atreo (Menelao).
                                      (Ibid., X 714-717. Lièo, che scaccia gli affanni; altro nome di Bacco)
 
                                      Poi ch’ebbe nelle tazze il succo infuso
                                      la vaga donna, Elena, così tolse a dire:...
                                      “Il grande Ulisse.
                                      nelle dardanie mura insinuossi;
                                      un mendico parea... ma poiché l'ebbi
                                      lavato ed unto d’odoroso ulivo,
                                      e gl’indossai le vesti, gli promisi
                                      con giuramento, che a nessun de’ Teucri palesato l'avrei”.
                                      (Ibid., IV vv. 300-3 10)
 
V                                    Ulisse al bosco s’avvia, che non lontano
                                       dall’acqua sopra un colle si stendea.
                                       E qui nel vano entrò di due frondosi
                                       ulivi, di cui l’uno era selvaggio
                                       e domestico l’altro, insiem cresciuti,
                                       e sì tra loro avviticchiati e folti,
                                       che raggio mai non vi poté di sole,
                                       né pioggia, né di vento umido soffio;
                                       e un letto s’apprestò d’aride foglie.
                                       (Ibid., V vv. 558-566)
 
VI                                    La genitrice (la regina Arete) alla figlia,
                                       Nausica, già sul carro ascesa,
                                       porse, in ampolla d’oro, il liquid’olio,
                                       onde essa dopo il bagno con le ancelle
                                       se n’ungesse le membra.
                                       (Ibid., VI vv. 100-103)
 
                                       E irrorate di pingue olio le membra,
                                       sedeansi in cerchio su la riva a mensa,
                                       aspettando che il sole coi suoi raggi
                                       asciugasse le vesti.
                                       (Ibid., VIvv. 124-127)
 
                                       
Registrati per leggere tutto

IMRU-L-QAYS IBN HUGRI (? – 540 ca. d.c.)

 

BELLEZZA BEDUINA

Candida, di vita sottile, di contenuta linea, dal seno polito come uno specchio… illumina col suo viso la tenebra notturna, come se fosse la lampada nella cella di un eremita in preghiera.

A una tal donna alza l’occhio appassionatamente anche il saggio, quand elba si adenge, giovinetta in incompiuto sboccio.

 

‘OMAR KHAYYAM (? – 1123)

 

QUARTINE

Lampade che si spengono. Speranze che s’ accendono.

L’alba.

Lampade che s’accendono. Speranze che si spengono.

Notte.

                             (Antonio Belli)

 

KAHLIL GIBRAN (1883 -1931)

 

IL GIARDINO DEL PROFETA

Voi siete spiriti anche se vi muovete nei corpi; e, come olio che arde nell’oscurità, siete fiamme, anche se tenute nelle lampade.

 

Registrati per leggere tutto

MEDIO REGNO (Ca. 2133 – 1786)

LE LAMENTAZIONI DI IPU-UR

 

                               Ecco, colui i cui capelli erano caduti ed era senz’olio

                               è divenuto padrone di giare di soave mirra.

                               (Letteratura e Poesia nell’Antico Egitto, Torino, 1990, p. 112)

 

LE AVVENTURE DI SINUHE

Nelle avventure del dignitario Sinuhe, fuggito dall’Egitto, per il timore di una guerra civile, e diventato ricco e riverito in altri paesi, ma continuamen­te sofferente per la dolorosa lontananza della terra natale, si arriva alla fine, quando egli abbandona tutte le ricchezze e gli onori e chiede di poter essere sepolto nella terra dei suoi faraoni. Sesostri, il faraone, lo accoglie a braccia aperte. Così descrive Sinuhe la scena del ritorno:

Fui posto nella casa di un figlio del re, dove erano ricchezze. Vi era una sala fresca con immagini dipinte sulle pareti. In ogni stanza erano vesti di lino re­gale, mirra, olio fino del re e dei nobili che ama…

Si cancellarono le tracce degli anni dal mio corpo. Fui rasato, e la mia chio­ma pettinata. Si abbandonarono al deserto gli abiti di “quelli che corrono sul­la sabbia”. Fui vestito di stoffe di lino, unto d’olio fino.

(Ibid., p.175)

 

IL CANTO DELL’ARPISTA NELLA TOMBA DEL RE ANTEF

 

Nessuno viene di là,

che ci dica la loro condizione,

che ci riferisca i loro bisogni,

che tranquillizzi il nostro cuore,

finché giungiamo a quel luogo

Registrati per leggere tutto

 

LETTERATURA SUMERICA-ITTITA

 

 

EPOPEA DI GILGAMESH (dal XIX al XII sec. a.C.)

La creazione dell’uomo, di Enkidu:

La dea madre, Aruru lavò le sue mani,

prese un grumo di creta e lo piantò nella steppa.

 

Essa creò un uomo primordiale, Enkidu, il guerriero,

seme del silenzio…

 

Tutto il suo corpo era coperto di peli,

la chioma era fluente come quella di una donna,

i ciuffi dei capelli crescevano lussureggianti come grano.

 

Egli non conosceva né la gente né il Paese; e

gli indossava una pelle di animale…

Con le gazzelle egli bruca l’erba,

con i bovini sazia la sua sete nelle pozze d’acqua.

Con le bestie selvagge, presso le pozze d’acqua,

egli si soddisfa.

(La Saga di Gilgamesh, Milano, 1992, p.127, “Epopea Classica”, tav. I, vv. 84-95)

 

Il sesso come rito di iniziazione alla civiltà:

Enkidu non sapeva

mangiare il pane;

a bere liquori

nessuno glielo aveva insegnato.

 

La prostituta aprì la sua bocca

e così parlò ad Enkidu:

 

“Mangia il pane, o Enkidu!

Esso è necessario per vivere!

Bevi il liquore, è un costume del Paese”.

 

Enkidu mangiò il pane

finché ne fu sazio.

Bevve il liquore:

sette boccali.

Ii suo animo si distese e diventò allegro,

il suo cuore gioì e il suo volto splendette.

 

Egli cominciò a spargere d’acqua

il corpo peloso;

 

egli lo unse con olio,

e divenne simile ad un uomo.

(Ibidem, pp.244-245, “Epopea Paleobabilonese”, tavoletta di Pennsylvania, vv. 89-108)

 

Il  re Gilgamesh e l’amico Enkidu sconfiggono il Toro celeste, mandato, per ucci­dere Gilgamesh, dalla dea Ishtar,

furiosa contro di lui perché aveva osato respin­gere le sue offerte d’amore.

Registrati per leggere tutto